Gianluca Vialli

Gianluca Vialli

Gianluca Vialli

 

9 Luglio 1964

Nutro un amore spontaneo,
incondizionato e indistruttibile,
per lo sport

      L’INTERVISTA

I MIEI PRIMI 15 ANNI

Raccontaci il tuo amore per lo Sport

Nutro un amore spontaneo, incondizionato e indistruttibile, sia per lo sport praticato che per quello “guardato”.

La passione per il calcio quando è arrivata?

La prima volta che ho visto una palla rotolare ( avro’ avuto due anni) le ho dato un calcio ed e’ scattata la scintilla. Avevo trovato la passione che mi avrebbe accompagnato per il resto della mia vita. La quantità e la qualità della pratica che ci ho aggiunto mi hanno permesso successivamente di trasformare la passione in una professione.

Come hai iniziato?

In cortile, in camera da letto ed all’oratorio.Poi a 12 anni sono entrato nel settore giovanile del Pizzighettone e l’anno dopo sono passato alla Cremonese nella quale ho esordito in Serie C (Lega Pro) a 16 anni.

Quando hai capito che “la cosa stava diventando seria” ?

Quando sono entrato nel settore giovanile della US Cremonese e ci hanno dato il materiale per l’allenamento e la borsa con la scritta della societa’. Dopo il primo, durissimo, allenamento con mister Guido Settembrino, capii che la cosa era diventata dannatamente seria!

Il momento più bello, indimenticabile?

Alzare la Champions League a roma, da capitano, con la maglia della Juve.

La delusione più cocente?

Vedere Ronald Koeman, capitano del Barcellona, alzare la Champions league a Wembley dopo la finale persa con la Sampdoria e ripensare alle occasioni sprecate.

I tuoi giocatori preferiti di ieri e di oggi?

Ieri: Bonionsegna, Pele’, Crujiff, Cabrini.
Oggi; Buffon,Messi, Ronaldo.

Cosa ti ha dato il calcio per la tua vita?

Il calcio mi ha reso popolare e mi ha regalato gioie e delusioni.Il calcio mi ha insegnato ad essere un uomo migliore.Grazie al calcio ho comprato la mia prima macchina e la prima casa.

Come lo vivi oggi?

Oggi faccio il lavoro più bello del mondo. Mi pagano per guardare ed analizzare partite di calcio in TV. Sono davvero fortunato. Un giorno tornerò per fare il presidente di una società.

Oggi che fai nella vita?

Vivo a Londra, lavoro in TV a Sky, mi occupo della Fondazione Vialli e Mauro per la ricerca e per lo sport, sono coinvolto in altre attivita’ e soprattutto cerco di soddisfare le esigenze della mia famiglia.

Un consiglio ai quindicenni di oggi?

Se volete imitare Messi, mettete via la Play Station, scendete dal divano, spegnete il cellulare e andate a fare sport con gli amici.

WLF generazione F, che ne pensi?

E’ incoraggiante sapere che ci sono organizzazioni che promuovono l’attivita’ calcistica tra i giovani enfatizzando i pricipi e valori che questa rappresenta.

5 comments

  1. salve Vialli.
    nel tuo libro pensi e scrivi lucidamente : dall’ intervista al corriere è possibile estrapolare un piccolo manuale di giusta “filosofia del vivere” che permette al lettore, dalle tue esperienze d vita e sportive, di affrontare nitidamente la realtà senza ipocrisie.
    Alcuni giorni fa mi sono chiesto : vedo sempre in tv Mancini (che in nazionale sta facendo un gran lavoro), e Vialli ? dov’è finito ?
    Puntualmente oggi ho avuto la risposta. Io ho appena 2 anni meno di te, e posso dire che la famiglia e i figli danno la forza di andare avanti sempre con determinazione e costanza in ogni problema dell’esistenza terrena, così anche per il tuo problema.
    Ogniuno ha i suoi guai (sono attualmente disoccupato), ma se è vero che determinazione, costanza e forza ci danno energia per VINCERE, vinceremo.
    un saluto in attesa di migliori tempi.
    ad majora.

  2. Ciao Gianluca , mi chiamo Franco e sono di Genova. Inutile farti i complimenti per quello che hai fatto nella vita e quindi i risultati raggiunti perché sono sotto gli occhi di tutti . Ti scrivo invece perché anch’io 2 anni fa ho avuto il tuo stesso problema. Oggi dopo un’intervento durato circa 10 ore e diverse chemio sono ancora vivo, ma è dura. Ho pensato che uno scambio di reciproche esperienze potrebbe essere per entrambi utile nell’affrontare questo non facile momento. Io da 2 anni non lavoro più perché il mio lavoro è diventato curarmi.
    perché se non stai bene non riesci a fare niente, quindi prima di tutto la salute. Avrei piacere che tu riuscissi a dare un seppur minimo riscontro alla presente. Grazie e scusa del tempo che ti ho sottratto anche se sono sicuro che non sarebbe tempo perso. A presto Franco

  3. Ciao Gianluca.
    Ieri sera eravamo insieme alla cena benefica della CDG, nella nostra amata capitale mondiale della liuteria. Premetto di non essere un tifoso e di non amare particolarmente il calcio. Grazie perchè nel tuo discorso ti sei emozionato come solo le persone sincere possono fare, denotando una umiltà che talvolta si evince solo nei grandi campioni. Ti ringrazio per il messaggio che hai donato, dell’importanza relativa del talento rispetto alla fatica e alla dedizione necessarie per ottenere qualsiasi risultato. Devo ammettere che anche io mi sono commosso: ho pensato a mio padre, tuo grande tifoso, amante critico del calcio a tutti i suoi livelli. Sono sicuro che dal cielo ancora fa il tifo per te come lo facciamo noi tutti Italian. I veri campioni non hanno bandiera ne maglia, sono degli esempi ai quali ispirarsi. Grazie anche della fotografia che, nonostante fossi affaticato, hai scattato con mio figlio. E’ piccolo per capire chi sei e cosa rappresenti, ma quando lo capirà ci ringrazierà entrambi per avervi immortalato insieme. Spero possa arrivarti questo saluto e il calore di un forte abbraccio fraterno. Alex

  4. sono massaggiatore muscolare sportivo della squadra Prorecco rugby serie A. Spes ultima dea sarebbe fare il massaggiatore della futura squadra di Gianluca Vialli,Dinan e Knaster. Mio cellulare 3472748080. Auspicherei arrivasse il mio messaggio a Vialli. Ringraziando chi mi vorra far da tramite con lui.mia residenza Bogliasco. cordiali saluti Marco Moriani

Join the Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *